NEWS


> Torna alle News


13.10.2009

36// M.O.: Missione per la pace, giorno di riflessione a Gerusalemme

di Ansa

 

GERUSALEMME, 13 OTT - Nella quarta giornata della 'Missione di Pacè in Israele e nei Territori palestinesi i 400 italiani della Perugia-Assisi si sono raccolti oggi a Gerusalemme per una conferenza internazionale in cui sono stati discussi il ruolo e le responsabilità dell'Europa per arrivare a una pace «realistica» tra israeliani e palestinesi. «Noi - ha detto Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace, aprendo i lavori - siamo qui non per lanciare un nuovo ennesimo appello alla pace ma per riflettere sulle nostre responsabilità e su cosa abbiamo fatto e dobbiamo fare noi europei». Certo, ha osservato, gli incontri avuti nei giorni scorsi con israeliani e palestinesi, non lasciano molto spazio all'ottimismo. Rispetto a una ventina di anni fa, agli albori del processo di pace, ha affermato Lotti, «oggi nessuno crede più alla pace e neanche al dialogo». La recente «guerra di Gaza ha scavato un solco ancora più profondo tra israeliani e palestinesi». Ma la pace è una necessità nell'interesse stesso dell' Europa per evitare che «il conflitto si trasferisca poi nelle nostre capitali», oltre che per motivi etici e concreti. Ai lavori hanno preso parte il palestinese Sari Nusseibah, rettore dell' università Al Quds, l'ex patriarca latino di Gerusalemme Michel Sabbah, l'israeliana Janet Aviad di Peace Now, accanto a due dirigenti dell' Onu impegnati in progetti di sviluppo economico nei territori palestinesi e esponenti della stampa. Nei giorni scorsi i partecipanti alla Missione - che durerà fino al 17 ottobre - hanno vistato diverse località palestinesi e in Israele per conoscerne le rispettive realtà. L'iniziativa è stata organizzata dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, dalla Piattaforma italiana delle Ong per il Medio Oriente e include rappresentanti delle regioni Umbria, Toscana ed Emilia-Romagna

> Scrivi un Commento
Letto 3733 volte