NEWS


> Torna alle News


12.10.2009

25// M.O.: La Marcia delle pace e la diplomazia del popolo

di Lucio Racano (Agenzia Italia)

 

Betlemme, 12 ott.  (Dall'inviato Lucio Racano) - Dopo i primi due giorni di viaggio nei territori palestinesi e in Israele, la marcia della pace, cui hanno dato vita oltre 400 italiani  a sostegno della ripresa del dialogo israelo-palestinese, sta assumendo una connotazione per certi aspetti sorprendente: negli incontri che la missione di amministratori locali, sindacalisti, esponenti di associazioni, studenti e semplici cittadini, mobilitatisi sotto l`”egida” (e` proprio il caso di dire) del Coordinamento nazionale degli Enti locali per la Pace e i Diritti umani, la Tavola della Pace e la Piattaforma delle ong italiane per il Medio Oriente, sta emergendo una sorta di diplomazia del popolo in grado di esprimersi e di interloquire anche al più alto livello. Ci sono molti modi per raccontare un conflitto. Quello israelo-palestinese in sessant'anni ha visto un numero impressionante di iniziative, anzi, di offensive diplomatiche, di conferenze internazionali di pace che hanno tentato -soprattutto con la fine della `Guerra Fredda``- di definire nuovi equilibri sullo scacchiere mediorientale, di risoluzioni delle Nazioni Unite inascoltate, decine di impegni sottoscritti e in gran parte inevasi. Si possono raccontare le morti dell'occupazione, le sofferenze del corpo e dell'anima di due popoli e dei loro figli che non hanno mai conosciuto la pace. Si può raccontare la lotta del popolo palestinese per il diritto a uno Stato; così come il diritto alla sicurezza di Israele minacciata dai regimi integralisti della regione e che a difesa degli attacchi dei militanti palestinesi si costruisce un muro alto otto metri, come l'ha conosciuto l'Europa dei blocchi contrapposti, che in Cisgiordania ha tagliato villaggi, giardini, separato famiglie, messo in ginocchio l'economia locale. Fino a raccontare della strategia del `tempo rubato` ogni giorno a quanti -bambini che vanno a scuola o adulti che vanno al lavoro- devono sottoporsi a lunghi e avvilenti controlli ai cosiddetti `check point` israeliani. Ma ora e` arrivato il `Tempo delle Responsabilità. E per tutti. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e questa esortazione e` stata fatta propria da un visionario e instancabile personaggio, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della `Tavola della Pace`, che ha dato questo nome (Time for Responsabilities) alla Perugia-Assisi, la storica marcia della pace, e l'ha trasferita a Gerusalemme, la citta` piu` contesa del mondo. Ha già portato la missione dei `Quattrocento` a Betlemme, Bielin, Birseit, Swahreh, Al Twani, Artas, Jenin, Nablus, Gerusalemme, Nazareth, Haifa, Neve Shalom, Jaffa, Sderot, Tel Aviv, Misgav, Sachnin, nell`Alta Galilea. Ha fatto incontrare i `Quattrocento` -guai a chiamarli pacifisti- con israeliani e palestinesi di organizzazioni non governative locali, con associazioni informali di volontariato, con religiosi che si occupano di lenire le sofferenze soprattutto di bambini.Durante una visita a Sderot, la cittadina israeliana al confine con la Striscia di Gaza sotto tiro dei razzi `qassam` palestinesi, si resta esterrefatti nell'ascoltare l'Altra Voce, un`associazione israeliana che non vuole il `muro`, ma il dialogo con i palestinesi. E come loro tanti altri: `Breaking the Silence`, “Combat for peace`, `Matson` Watch`, `Bat Shalon`, `Refusnik`, `Peace Now`.  I `Quattrocento ` italiani hanno parlato con associasione di donne palestinesi e israeliane e hanno scoperto che si incontrano quasi in segreto per conoscersi,  capire che cosa, loro che condividono le stesse paure per il futuro dei loro figli, possono fare per smuovere la politica. La delegazione è stata ricevuta a Ramallah dal primo ministro palestinese, Salam Fayyad, che in un lungo intervento ha invocato per l'ennesima volta un ruolo più incisivo dell'Unione europea, esortandola a interrogarsi su che cosa non ha funzionato in questi sedici anni trascorsi dalla firma degli Accordi di Oslo sull'autonomia ai palestinesi, Una domanda che domani sarà rilanciata in una conferenza a Gerusalemme sulla ‘responsabilità’’ dell’Europa nei confronti del processo di pace. Vi partecipano i rappresentanti dei 400 ma anche protagonisti palestinesi, israeliani ed europei. (AGI)

> Scrivi un Commento
Letto 3654 volte